Speciale “Mobili Vintage”: Il modernariato in 3 semplici passi


blank


Per orientarsi in maniera corretta nell'intricato mondo del modernariato, fatto di mille offerte di mercatini, fiere, aste e chi più ne ha più ne metta, basta seguire i seguenti, tre piccoli consigli.


Comprare

Il primo step da seguire per comprare in modo intelligente, è documentarsi.


In poche parole, chi compra deve farsi furbo e tenere gli occhi ben aperti, per essere sempre un passo avanti rispetto a chi vende e per fare, così, buoni affari.


Farsi una cultura in merito al modernariato, è semplice.


Esistono, infatti, in commercio numerose guide agli acquisti o più semplicemente, libri che trattano la materia in questione.


Se non si vuole far visita alla libreria, c'è sempre internet, fonte inesauribile di consigli e trucchi per trovare quello che si cerca.


Altro importante accorgimento, è quello di richiedere la fattura o la certificazione che attestino l'autenticità del prodotto desiderato, sopratutto per chi compra in negozio.


Infine, per chi preferisce i mercatini, è fondamentale darsi un budget da non superare, come rimedio contro i falsi.


Vendere

In primis, diffidare sempre da chi prometti lauti guadagni.


Per chi ha in casa oggetti di modernariato che desidera vendere, il modo più efficace per raggiungere lo scopo, è di arrivare direttamente ai collezionisti, magari tramite il buon, vecchio passaparola.


Per le valutazioni e le autenticazioni, è necessario rivolgersi a periti certificati, scegliendo negli elenchi delle Camere di Commercio o delle associazioni di categoria.


Se si vuole vendere oggetti di pregio, anche in questo caso, è meglio rivolgersi alle case d'asta.


Case d'asta

Tra le più importanti casa d'asta nazionali e internazionali troviamo: Della Rocca a Torino, Cambi, Boetto e Wannenes di Genova, Bohans di Londra e New York, Tajan di Parigi, Pierre Bergè di Bruxelles, Dorotheum di Vienna Philipps de Pury di New York e Wright di Chicago.

Ultimi Articoli