Speciale “Mobili Vintage”: I must del modernariato


blank


Come ogni moda, se così si può definire il modernariato, anche questo ha i suoi must.


Tra le correnti di design più ricercate, al primo posto c'è il Made in Italy, con i suoi grandi marchi e i suoi grandi artisti.


Dividendosi tra le i vari decenni del Novecento, i complementi di arredo provenienti dagli anni '50 sono quelli più richiesti e che riescono a raggiungere cifre molto alte, sopratutto quando si tratta di pezzi unici.


Infatti per edizioni limitate di designer-artisti come Mollino o Sottas si possono raggiungere addirittura i 100 mila euro.


Molto quotate sono anche le lampade di brand quali Arteluce, Fontana Arte e Arredo Luce, disegnate da grandi nomi del settore come Sarfatti, Ingrand o Lelli.


Altro periodo storico molto gettonato è quello del post-modernismo degli anni '70-'80, con pezzi di Mendini o Pesce.


Oltre al Made in Italy, è il momento del Made in Brasil. In particolare, quello dell'arredamento carioca proveniente da un lasso di tempo che va dagli anni '50 agli '70 e partorito dalle geniali menti di artisti come Rodrigues o França.


Immancabile è anche il design nord europeo pre-Ikea, con le sue linee minimali e i suoi concept geometrici di designer come Jacobsen o Puolsen.


Per un modernariato più alla portata di tutti, o meglio di tutte le tasche, viene in soccorso il low cost che punta tutto sul design di Alessi e sull'elettronica vintage di radio, telefoni, tv e ventilatori.

Ultimi Articoli