Giacimenti Urbani: i rifiuti diventano risorsa attivando un’economia circolare


Si è chiusa con oltre 2500 presenze di pubblico la prima edizione di Giacimenti Urbani, evento sulla valorizzazione dei rifiuti che per tre giorni ha trasformato la Cascina Cuccagna di Milano in un laboratorio di sostenibilità. Grande successo per le mostre “Design 100%recycle” sul riciclo creativo e “Omaggio al compost” suo materiali biodegradabili e compostabili, nonché per i workshop e le tavole rotonde.


Particolarmente importante quella sui rifiuti organici, durante la quale Amsa ha divulgato i dati aggiornati sulla raccolta dell'umido nel capoluogo lombardo, che ora rappresentano il 42,5 % dei rifiuti prodotti. La prima edizione di Giacimenti Urbani è stato un vero successo.


Un vasto pubblico – oltre 2500 le presenze registrate – ha affollato gli spazi della Cascina Cuccagna di Milano per conoscere tutte le possibilità offerte dai rifiuti che ogni giorno si producono. Sessanta realtà tra aziende, start-up, nomi cult della sostenibilità, associazioni e consorzi hanno animato workshop, mostre e tavole rotonde offrendo ai cittadini numerosi spunti su temi come la raccolta differenziata, il baratto, la riduzione degli sprechi e il riciclo creativo, che stanno piano piano entrando nel vocabolario quotidiano.


Clamoroso il successo di +LAB, il laboratorio di stampa 3D in bioplastica del Dipartimento di Chimica del Politecnico di Milano che per le oltre 30 ore di apertura ha avuto un flusso incessante di pubblico, interessato a conoscere le grandi potenzialità offerte da questa nuova frontiera sostenibile della tecnologia.



blank



Molto seguita anche la sezione “Riparare è meglio che buttare!” in cui i visitatori hanno portato oggetti in disuso per farli riparare da una task force di artigiani. La sfida è andata a buon fine e ampio è stato il coinvolgimento della gente e degli artigiani stessi che hanno avuto modo di interagire, confrontandosi sulle diverse soluzioni di recupero.


Tra i momenti chiave dell’evento sicuramente la presentazione del progetto “Mappa Rifiuti-Zero in Zona 4”, che prevede il censimento di attività del territorio in grado di promuovere la Riduzione, la Riparazione, il Riciclo, il Recupero e il Riuso di oggetti del vivere quotidiano, aiutando i cittadini a trovare la giusta collocazione per ogni rifiuto, senza troppa fatica.


Di grande rilievo i dati emersi alla tavola rotonda “Materiali organici: un problema o un'opportunità? ”, durante la quale AMSA ha rilasciato i dati aggiornati sulla raccolta dell'umido a Milano. Danilo Vismara ha così commentato: “L’umido rappresenta il 42,5% della raccolta differenziata milanese.


Ogni milanese conferisce in media 90 Kg di umido l’anno. Monaco, una delle città europee più virtuose ne raccoglie soltanto 50,9 Kg.” Il percorso di Giacimenti Urbani è dunque appena all’inizio. Tante le sfide e i temi emersi nella tre giorni di evento, rivolti ai cittadini e alla città.


Una di queste, la tavola rotonda “Riduzione dei rifiuti: ripartiamo dal progetto”, proseguirà con un incontro alla Triennale di Milano organizzato da Best Up, con la collaborazione del Dipartimento di Chimica del Politecnico di Milano il 13 dicembre alle ore 17.00. Un work-in-progress che ci accompagnerà fino alla presentazione della Mappa Rifiuti0 in zona 4 e alla prossima edizione di Giacimenti Urbani 2014. Il tutto nella cornice della Settimana europea dei rifiuti che a giugno premierà i 5 migliori progetti d’Europa presentati tra il 16 e il 24 novembre 2013.


[[GALLERY_8]]

Ultimi Articoli